COME SI MONTA L'ANTENNA ESTERNA?

COME SI MONTA L'ANTENNA ESTERNA?

Per ottenere il massimo dal tuo ripetitore GSM, è importante trovare il miglior segnale possibile all'esterno. In effetti, non c'è nulla di "magico" in un amplificatore GSM: l'amplificatore GSM può "solo" amplificare le onde esistenti e non ricrearle da zero. Inoltre, migliore è il segnale ricevuto, migliori sono le prestazioni del tuo amplificatore GSM. È l'antenna esterna del tuo kit che viene "prima" e quindi è importante eseguire un'attenta installazione. Non c'è niente di complicato da fare, devi solo prestare attenzione ad alcuni passaggi, che sono descritti di seguito. Leggere questi passaggi in pochi minuti (circa 3 minuti) ti farà risparmiare un sacco di tempo durante l'installazione!

 

 

 

1. Per prima cosa fai un'installazione di prova!

Questo è IL segreto per una corretta installazione del tuo amplificatore GSM: fai prima un'installazione di prova! Dopo ci sarà il momento di fissare saldamente i punti di attacco e nascondere i cavi.

Monta le antenne ma fissale provvisoriamente, con i cavi coassiali non ancora nella loro posizione definitiva.

Collega tutti gli elementi e accendi il tuo amplificatore GSM per vedere se tutto funziona normalmente. - Tutto funziona correttamente, non ci sono feedback? Allora la posizione delle antenne interne ed esterne è ldeale. Ora puoi spegnere l'amplificatore GSM, collegare saldamente le antenne e installare i cavi. Ed è fatta!-

C'è un feedback o il segnale non è ben ricevuto? allora bisogna trovare una posizione migliore per l'antenna. È molto facile e veloce cambiare la posizione dell'antenna/e in base al test del segnale esterno, ripeti questo test fino a trovare la posizione giusta. Questo risulta molto più facile di dover smontare e rimontare di nuovo l'intero sistema...

2. Trova il segnale ottimale all'aperto

Con il tuo smartphone è possibile misurare l'intensità del segnale all'esterno: puoi rifarti alle barre presenti sullo schermo oppure puoi vedere l'esatta potenza del segnale, espressa in dBm. Preferiamo questa seconda opzione. Leggi di più riguardo questo sul nostro sito web.

A proposito, trattandosi di un valore negativo, il segnale migliore è dato dal numero più piccolo, che è vicino allo zero, in dBm. Ad esempio: -46 dBm è molto meglio di -102 dBm.

Ad esempio, prova a testare diverse posizioni da A a E come mostrato di seguito e scegli quella migliore per installare l'antenna esterna: la posizione con 5 barre (o il miglior valore in dBm).

 


Puoi utilizzare diverse procedure per testare l'intensità del segnale in dBm sul tuo telefono cellulare:

Per iPhone: apri l'app del telefono e digita *3001#12345#* come se stessi digitando un numero di telefono. Quindi premi sul pulsante di chiamata. Si aprirà il cosiddetto campo -menu Field Test, dove invece delle barre di ricezione vedrai un numero negativo (in Dbm) che ha molto più significato.
Per Android: scarica l'applicazione Netmonitor Cell Signal Logging. Misura il tipo e la potenza del segnale e determina a quale torre di trasmissione sei connesso.

3. Trova le torri di trasmissione più vicine

L'antenna esterna deve essere allineata con la/le torri di trasmissione. Per questo abbiamo bisogno di conoscere la posizione di tale torri. Idealmente, le torri cellulari si trovano in un "campo visivo" diretto, cioè non ci sono ostacoli tra le torri di trasmissione e l'antenna esterna.

Un'antenna direzionale viene solitamente utilizzata nelle zone rurali. Bisogna assicurarsi che il segnale (le onde) non passi attraverso gli alberi e non colpisca edifici o ostacoli. La torre di trasmissione deve essere "in vista" con questo tipo di antenna.

Nelle aree urbane dove ci sono sempre più torri di trasmissione, un'antenna a pannello è generalmente preferita ad un'antenna direzionale. Poiché l'antenna esterna può ricevere segnali su un'area più ampia, è più facile direzionarla, ma è comunque importante puntare la superficie principale verso il segnale più forte ricevuto.

Ci sono più modi per individuare le posizioni delle torri:

La Federal Network Agency di ogni Paese ha messo online le posizioni delle torri cellulari. La più "completa", in ogni caso, puoi trovarla di seguito. Basta cliccare sul link sottostante e individuare l'indirizzo della struttura: i vari ripetitori cellulari nelle vicinanze appariranno su una mappa leggibile.

Trova ripetitori in Italia

4. Garantire una distanza ottimale tra le antenne

A causa della natura di un ripetitore, è importante impedire alle antenne di intercettarsi a vicenda altrimenti il ​​tuo sistema non funzionerà correttamente o non funzionerà affatto.

Un amplificatore GSM è un sistema che riceve, amplifica e ritrasmette.
Ogni antenna (sia interna che esterna) funge alternativamente da trasmettitore e ricevitore. Se le antenne sono troppo vicine, la situazione è simile a quella di un feedback in un sistema audio: il suono viene amplificato dal microfono, quindi inviato all'altoparlante e rilevato nuovamente dal microfono, e così via. Si sentirà un forte fischio e alla fine l'attrezzatura si rompe!

Con gli amplificatori GSM si parla di auto-oscillazione invece che di feedback, ma si tratta dello stesso principio, con le stesse conseguenze: fischi e possibile distruzione dell'amplificatore.

Il tuo amplificatore dispone di impostazioni automatiche che ti consentono di regolare automaticamente il guadagno. È anche possibile modificare manualmente il guadagno, ma ciò significa che le prestazioni del tuo amplificatore saranno notevolmente ridotte o addirittura pari a zero.

Prendiamo l'esempio del feedback di un sistema audio: quando "fischia", puoi sempre abbassare il volume per interrompere il fischio. Ma dopo un po', se abbassi troppo il volume... non c'è alcun suono per il tuo pubblico! La soluzione è quindi quella di aumentare la distanza tra il microfono e gli altoparlanti per evitare il fenomeno del looping.

Lo stesso vale per un amplificatore GSM: le antenne devono essere ben isolate.

4.1 Principio di auto-oscillazione (loop attraverso le antenne)

Quando le tue antenne si "connettono" tra di loro, il tuo amplificatore non sarà più in grado di funzionare correttamente. Nella migliore delle ipotesi, entrerà in modalità di autoprotezione fino al riavvio dell'amplificatore. Nel peggiore dei casi, tuttavia, l'amplificatore GSM viene distrutto. Ecco la spiegazione di questo fenomeno chiamato auto-oscillazione:

Come mostrato sopra, l'amplificatore amplifica il segnale di downlink (r) dalla torre di trasmissione e invia il segnale all'amplificatore. Quindi il segnale amplificato (R) viene inviato alle antenne interne. Se la distanza tra le due antenne (antenna esterna e antenna interna) è insufficiente, il segnale amplificato (R) viene inviato anche al cellulare dall'antenna esterna come indicato dalle linee tratteggiate rosse nel disegno. Lo stesso vale per il segnale (t) dall'uplink all'antenna: il segnale amplificato (T) viene nuovamente ricevuto dall'antenna interna.

Ciò può essere evitato seguendo i seguenti due suggerimenti, singolarmente o cumulativamente. Questo è noto come isolamento dell'antenna.

4.2 Soluzioni per loop remoti

Sposta le antenne ad una distanza (tra loro) maggiore possibile. Una distanza di 10 metri tra le antenne è generalmente considerata una protezione sufficiente contro le interferenze. Ogni kit viene fornito di serie con un cavo coassiale da 10 metri, quindi sfruttalo al meglio. Se hai bisogno di una lunghezza maggiore, puoi trovare tutti i nostri cavi coassiali in questa pagina.

Può capitare che tu abbia utilizzato l'intera lunghezza del cavo, ma la distanza punto-punto tra le antenne può essere solo di 3 o 4 metri (a causa di angoli e bordi, caduta del soffitto, ecc.). Tipicamente, soprattutto nel caso di un'installazione con più antenne interne, l'oscillazione naturale proviene solitamente dall'antenna interna più vicina all'antenna esterna.

In questo tipo di configurazione, è su questa antenna che vogliamo attirare l'attenzione; la seconda soluzione (effetto suolo; vedi sotto) può essere utilizzata in combinazione con questa soluzione per fermare l'oscillazione naturale.

A volte la distanza è giusta, ma l'interferenza rimane. Verifica la presenza di finestre, tende da sole, pannelli in legno, grate o qualsiasi altra superficie o apertura "permeabile" alle onde e che permetta al segnale di entrare nella stanza; a volte risulta molto semplice. È qui che entra in gioco la seconda soluzione alle vibrazioni: l'effetto massa.

4.3 Soluzione del loop per azione di massa

Qualsiasi materiale che è scarsamente permeabile o impermeabile alle onde è chiamato "massa". Esempi sono: pannelli metallici (es. hangar), pareti o soffitti in cemento armato (con metallo al loro interno), vecchi muri molto spessi, una lastra di piombo, griglie o griglie metalliche collegate al pavimento ... generalmente offrono un buon effetto massa.

L'"effetto suolo" offre quindi la possibilità di sfruttare la presenza di determinati materiali che si trovano tra l'antenna esterna e la più vicina antenna interna. L'idea è di separare in modalità wireless le vostre antenne in modo che le onde vengano attenuate o bloccate da ostacoli tra le vostre antenne, o in altre parole, in modo che l'isolamento tra le antenne sia sufficiente per prevenire il fenomeno dell'auto-oscillazione.

4.4 Altre possibili soluzioni

Le due soluzioni sopra citate (distanza ed effetto suolo) possono essere perfettamente combinate per ottenere il miglior isolamento possibile delle antenne e neutralizzare così l'auto-oscillazione. Questa combinazione è consigliata il più possibile, a seconda delle possibilità offerte dalla location da allestire.

Alcuni esempi per una migliore comprensione:

  • Solo 7 metri di distanza tra le antenne esterne ed interne, ma anche 2 pareti portanti tra le antenne.
    In tal caso, l'auto-oscillazione è molto improbabile.
  • Antenne sullo stesso piano (antenna esterna direttamente sopra una finestra), ma a 10 metri di distanza, con 2 porte in mezzo: l'autooscillazione è improbabile, ma possibile a causa delle porte (ad esempio se sono di legno).

Fai attenzione ai lucernari e ad altre finestre, faranno passare il segnale e danneggeranno l'isolamento delle tue antenne.

Suggerimento extra: puoi anche considerare la direttività delle antenne e assicurarti che nessuna delle antenne sia nel raggio delle altre antenne. Vedi più avanti in questo articolo per maggiori informazioni sulla direttività... perché anche il retro e i lati dell'antenna diffondono onde residue (anche con un'antenna molto direzionale!).

Tienilo a mente quando testi il segnale in diversi punti, questo parametro ti aiuterà molto.

5. Montare e allineare correttamente l'antenna esterna

A seconda del tipo di antenna esterna fornita con il kit, ecco alcune cose da tenere a mente. Non è molto complicato, ma "meglio un piccolo disegno che un lungo discorso...":

5.1 Installazione e conferme

Molto facile, perché la piastra di montaggio e le viti sono fornite con l'antenna. Tutto ciò di cui hai bisogno è una chiave inglese (o un morsetto universale).

5.2 Guida

Assicurarsi sempre che il filo dell'antenna fuoriesca dal basso (come mostrato nel disegno) o dall'alto. Se il filo dell'antenna esce a sinistra o a destra, l'antenna non è più polarizzata e non riuscirà più a captare correttamente il segnale.

Per l'antenna direzionale, i "fianchi" devono essere posizionati come sopra.

Sull'antenna direzionale (Yagi Logarithm o Yagi Super Logarithm) si prega di notare la direzione della freccia rossa sul retro per un corretto drenaggio: la freccia rossa deve puntare verso l'alto, come mostrato nella figura seguente.

 

5.3 Allineamento con la torre di trasmissione

Guarda l'immagine qui sotto: la superficie in plastica dell'antenna a pannello è la "superficie di scambio" dell'antenna stessa, attraverso la quale passano le onde. Questa parte dovrebbe essere posizionata verso la torre di trasmissione più vicina, quella che ha il segnale più forte. Con le antenne direzionali (Yagi), la punta della "freccia" indica la direzione verso cui dovrebbe puntare.

5.4 Attenzione agli ostacoli

Questo è particolarmente importante per le antenne direzionali Yagi. La punta della tua antenna esterna dovrebbe puntare verso la torre cellulare... idealmente, la torre cellulare dovrebbe essere "in vista"!

Potresti non vederla ad occhio nudo (soprattutto se è lontana miglia), ma devi assicurarti di non avere ostacoli tra la tua antenna esterna e la torre di trasmissione: nessuna foresta, nessuna montagna e ancora meno un edificio o eventuali altre strutture.

Immagina di puntare un raggio laser verso la torre cellulare: la torre cellulare può essere raggiunta da dove ti trovi? In altre parole, la tua antenna direzionale è correttamente allineata alla torre, in linea retta e senza ostacoli?

- Allora hai fatto tutto bene: la tua antenna direzionale è nel posto giusto e riceverà il miglior segnale possibile per il tuo amplificatore GSM.

- In caso contrario... il segnale non può essere ricevuto correttamente dall'antenna direzionale. La soluzione è trovare un altro spazio libero tra te e l'antenna direzionale o considerare un altro tipo di antenna meno direzionale..

5.5 Caratteristiche delle antenne a pannello

Per quanto riguarda le antenne piatte (Antenne a Pannello), come abbiamo visto sopra, la superficie ricevente deve essere allineata con le torri di trasmissione. L'orientamento è meno critico di un'antenna direzionale, ma è importante posizionare sempre questa antenna a pannello nella direzione del segnale più forte possibile.

Se non sei sicuro da dove provenga il segnale più forte, continua con i test successivi ruotando il supporto dell'antenna (attorno al suo asse di montaggio): mira ogni volta di 90 gradi in più... finché il segnale più forte non appare sul tuo ripetitore.

Questo dovrebbe rendere agevole l'installazione dell'antenna esterna.

Ogni tipo di antenna (antenna omnidirezionale, semi-omnidirezionale, direzionale o ultradirezionale) ha i suoi vantaggi e svantaggi: a volte è difficile orientarsi e scegliere l'opzione giusta. Offriamo diversi tipi di antenne in modo che i nostri amplificatori funzionino in modo ottimale e rispondano con precisione ai vincoli della tua posizione: in questo modo possiamo rispondere ad ogni singolo caso. Chiedi a noi, il nostro team può aiutarti!